Aggiornamento Inno.Pro.Wire

InnoProWire Radici Group Maccaferri SAMP Sampsistemi

Inno.Pro.Wire, al via la produzione dei primi manufatti

Dalla teoria alla pratica: grazie alla collaborazione tra Gruppo Industriale Maccaferri e RadiciGroup Performance Plastics, presto a disposizione del mondo delle costruzioni una metodologia per la produzione sostenibile di fili d’acciaio.

Una giornata formativa dedicata a LIFE-Inno.Pro.Wire (http://www.lifeinnoprowire.eu/), per fare il punto della situazione sullo stato di avanzamento del progetto finanziato dall’Unione Europea e nato dalla partnership tra il Gruppo Industriale Maccaferri (con Officine Maccaferri SpA e SAMP SpA) e RadiciGroup (con Radici Novacips SpA, headquarter dell’Area di Business Performance Plastics). Una sfida, lo ricordiamo, che si propone di elaborare un processo innovativo e di minore impatto sull’ambiente, per la produzione di fili di acciaio estrusi utilizzati per la realizzazione di strutture protettive e di contenimento in rete metallica. L’aspetto di innovazione sostenibile di questo progetto è legato all’utilizzo di polimeri su base poliammidica come valida alternativa al PVC per il rivestimento di tali fili di acciaio.

Il workshop, organizzato da Gruppo Industriale Maccaferri e RadiciGroup presso l’Istituto Chimico Natta di Bergamo, ha visto anche la partecipazione, oltre che degli studenti, di Giuseppe Riva, direttore Plastics Europe Italia, di Ruggero Targhetta, Presidente EURIS srl e di Gioia Garavini di Ecoinnovazione srl.

Giorgio Puggioli, Extrusion product manager of Sampsistemi ha commentato: “Questo progetto è la dimostrazione delle potenzialità del “Made in Italy”. Nasce dalla collaborazione di Aziende che dialogano su più tavoli di lavoro, per arricchire e migliorare le varie fasi di sviluppo del progetto stesso. Sotto questo impulso Sampsistemi ha studiato e realizzato un sistema di pulizia e preriscaldo del filo ad elevata efficienza energeticacompletamente autonomo per consentirne un’installazione anche su impianti di estrusione esistenti.” Commentando la giornata; “Particolarmente interessante si è dimostrato il dialogo diretto con gli studenti dell’Istituto Natta di Bergamo, perché loro rappresentano le generazioni che daranno continuità a queste iniziative e noi gli stiamo mostrando delle opportunità per il loro futuro professionale.”

Il Progetto LIFE-Inno.Pro.Wire rappresenta per gli studenti una sintesi perfetta e una concreta applicazione di tutto quanto appreso durante questo percorso: una progettazione complessa, lo sviluppo di un materiale e di una specifica tecnologia di processo in funzione delle criticità applicative, una metodologia europea per la valorizzazione ambientale del manufatto. È inoltre un’opportunità per approfondire il ruolo positivo svolto dall’Europa in termini di orientamento verso una società più attenta all’ambiente (economia circolare) e di supporto finanziario ai progetti di innovazione (fondi europei).

 

Per leggere tutta la Press Release clicca qui